Ex Sanatorio di Montecatone

"Il Paolini"

 

Costruito agli inizi degli anni ’30 e inaugurato da Benito Mussolini il 25 ottobre del 1936.

Struttura di quasi 10.000 metri quadri con 24.000 metri di parco, abbandonato da oltre 20 anni,

meta di avventurieri e fautori dell’occulto, cacciatori di miti, leggende e fantasmi.

Il primo vero obiettivo del Sanatorio di Montecatone era quello di assistere i malati di tubercolosi in ogni attimo della loro degenza, in un periodo nel quale il rischio di un’epidemia era piuttosto elevato.

 Costituito da tre padiglioni, Collina, Montebello e Paolini uno per i soldati, uno per gli uomini e uno per le donne, col tempo cadde in disuso e venne parzialmente abbandonato. Dei tre padiglioni, uno è il protagonista di queste foto, un altro è ridotto a deposito e archivio dall' Ausl, e solo il terzo è operativo, da circa 25 anni ospita un centro per la cura dei pazienti con lesioni alla spina dorsale, punto di riferimento per i malati mielolesi. Tuttavia, dev’essere difficile per i malati abitare questi luoghi, considerando che a poca distanza da loro alcuni ospiti molto particolari si aggirano per i locali disabitati. Sono i fantasmi dei pazienti morti in quei locali, che non sono più riusciti a camminare nonostante le cure fatte, e che ancora abitano l’ospedale nell’attesa di essere curati. Girano diverse voci, una di queste è che ci sarebbe una sedia posta davanti a una finestra, che nessuno ha mai tolto e che nessuno toglierà mai... E' anche stato più volte avvistato il fantasma di un uomo, seduto curvo sulla sedia, intento a pensare alla sua vita o a ciò che ne rimane. Lungo i corridoi bui, poi, ci si può anche imbattere in una bambina con una bambola di pezza in mano…e se si osserva la bambina, si noterà che le sue gambe sono sorrette da strane strumentazioni in acciaio… Forse la storia vi suonerà familiare… specie i sostegni metallici per le gambe indossati da un’infermiera troppo affezionata ai piccoli pazienti di un certo ospedale…ricordate il film Fragile, di Jaume Balaguerò? Il regista spagnolo venne per un periodo ospitato in quest’ospedale in seguito a un incidente, e rimase così colpito dal sanatorio e dalla sua storia, che Montecatone gli diede l’ispirazione per la location del suo film.
Un posto decisamente spettrale, chiuso nel 1990 e attualmente in vendita con base d'asta

di 5,7 milioni di Eurozzi.... se vi dovesse interessare....

 

Il Primo Video di Decadence TV...

 

Primavera 2016, sono tornato a Montecatone perchè era giusto che la serie dei video di Decadence Tv partisse proprio da quì, dove tutto ebbe inizio...