La Isla de las Muñecas

 

Città del Messico, Xochimilco, a un passo da casa mia...

Ci sono molte storie su questa isola, tutte con lo stesso filo conduttore, alcune più farcite altre più soft...

Io racconterò quella più comune, che dovrebbe anche essere quella che si avvicina di più alla realtà...

Xochimilco, un quartiere città (2mln di abitanti) di Mexico City, uno dei più antichi, con i suoi 186km di canali navigabili e patrimonio dell'Unesco dal 1987, racchiude quest'insolita e macabra isola, le sue bambole e le sue leggende.... Per arrivarci, bisogna navigare un'ora e mezza per i pittoreschi canali, godendo appieno di un paesaggio unico.... tornando con la mente indietro nel tempo, quando Don Juliàn Santana Barrera Si trasferì in questa "Chinampa" (una sorta di campo coltivato tra i canali) negli anni '70. Viveva da solitario, coltivando e vendendo i suoi prodotti nel paese vicino, una persona additata come blasfema perchè predicava la parola di Dio senza essere sacerdote e conduceva una vita solitaria... Poi un giorno, una ragazzina morì annegata proprio davanti alla sua chinampa e questo fece scattare in lui un timore reverenziale tale da dar vita a quella che oggi in tutto il mondo conoscono come "La isla de las Munecas".

Dopo la morte della ragazzina, per "espantar al espanto" (spaventare la paura) raccolse una vecchia bambola portata dai canali e l'appese ad un albero vicino al luogo dove era morta la ragazza... Questo però non servi a calmare lo spirito di questa, che secondo Don Juliàn vagava per le terre senza pace.... Così cominciò a raccogliere altre bambole e le appese, una dopo l'altra agli alberi della sua isola, cercando di calmare lo spirito della defunta.... Si dice che durante la pulizia dei canali si rinvennero molte bambole, apparteneti ad un antico ospedale di giocattoli, e che la gente del posto conoscendo la sua mania glie ne faceva dono... lui diceva solo che le bambole apparivano da sole...

Don Juliàn si ritirò sempre di più fino a non uscire dalla sua chinampa, il nipote Anastasio se ne prese cura fino al giorno della sua dipartita nel 2001.... Ormai da tempo Don Juliàn raccontava al nipote che una "sirena" gli appariva sempre più di frequente dicendo che lo voleva portare via con se.... e alla fine.... accadde davvero... Don Juliàn Santana Barrera Morì il 17 aprile del 2001, nell'esatto punto dove avevano trovato il corpo della ragazzina.... Si dice che fu un infarto.... o forse, la sirena che vagava in quei luoghi se lo è davvero portato via.....

La Isla de las Munecas è un luogo carico di sinistro fascino, nella splendida location di Xochimilco, con i suoi canali, i suoi tramonti, la flora e la fauna disarmante, la musica dei mariachi e i venditori di artigianato locale, i giovani sulle trajineras (le gondole di Xhochimilco) che bevono birre da un litro ascoltano musica ad altissimo volume e ballano e cantano, turisti di tutto il mondo....

Organizzano anche visite notturne con tanto di pulque (liquore locale) e tamales (cibo locale)... non sono mai riuscito a organizzarmi ma sicuro presto tornerò di notte... e allora si che magari i brividi si insinueranno profondi dentro di me.....

Se passate da Città del Messico non potete non andarci....

Uno dei miei video sull'isola delle bambole... l'altro, il più completo non lo trovo... comunque se guardate in rete o su youtube troverete tanto su ques'isola... e se capite lo spagnolo tanto meglio...

Il Nipote di Don Julian spiega (in spagnolo) la storia dell'isola....